Il percorso dei Fortini

Il percorso dei Fortini si snoda, per circa 5 Km, lungo la costa occidentale dell’isola di Capri.

La via, che attraversa verdi aree di macchia mediterranea, sale su promontori rocciosi per poi riscendere in baie come Cala del Tombosiello, deriva il suo nome dalla presenza di fortini d’avvistamento e difesa: i più noti sono il Fortino Mesola e il Fortino Orrico. Costruiti integralmente in pietra, come baluardi difensivi contro le razzie dei pirati saraceni, i fortini di Capri furono in seguito utilizzati dagli Inglesi e dai Francesi durante le guerre napoleoniche.

Nel 1998, i fondi della Comunità Europea hanno consentito al Comune di Anacapri di procedere al loro restauro e alla realizzazione dei sentieri di collegamento. Il sentiero dei Fortini è oggi un Ecomuseo segnato da maioliche che ne illustrano la storia, la flora e la fauna.

Fortino Orrico
Il fortino Orrico si trova a circa 30 metri sul livello del mare sulla Punta del Miglio, in prossimità della Grotta Azzurra. Ha struttura semicircolare e diametro di circa 20 metri con mura spesse 2 metri; al suo interno si trovavano i due cannoni, la cui linea di fuoco, incrociando quella del fortino di Campetiello e del fortino di Pino, creava un ostacolo invalicabile per qualsiasi nave.

Fortino Mesola
Il Fortino di Mesola sorge sul promontorio Campetiello e prende il nome dall’omonima famiglia proprietaria del terreno. La costruzione ha struttura circolare entro cui erano posizionati due cannoni. Il ritrovamento di piccoli utensili di ossidiana ha attestato una frequentazione dell’area Campitiello sin da tempi antichissimi. Una scala scolpita nella roccia è, invece quanto resta di un antico approdo romano.

Fortino di Pino
Il Fortino di Pino è il più vicino al Faro di Punta Carena. Ha una struttura circolare con un diametro esterno di 60 metri; l’interno è, invece, rettangolare e si trova a 40 metri sul livello del mare. Dalla sua posizione venivano controllate la Cala di Mezzo a nord e la Cala del Limmo a sud.

Il sentiero collega Punta Carena a Punta dell’Arcera al di sotto della strada che da Anacapri conduce alla Grotta Azzurra. Da qui è possibile tornare nel centro di Anacapri anche con autobus o taxi.

Lunghezza complessiva: circa 5 Km.
Tempo di percorrenza: 4-5 ore.